Verso il secondo anno di guerra le materie prime iniziano a scarseggiare e la cosa si sente anche in provincia. Proprio in quest’anno chiude “Lo Staccio”, giornale letterario fondato a Rivarolo da Celeste Ferdinando Scavini per mancanza di carta. Le cartiere Giacomo Bosso pubblicano poi annunci in cui si cercava la carta vecchia, di qualunque genere, anche già scritta. Vecchi libri e manoscritti si acquistano alla libreria Dante di Torino. I generi alimentari aumentano come in Francia e in Inghilterra, tanto per non sentirsi soli… Negli Imperi centrali l’impennata dei prezzi è maggiore per via del blocco navale alle importazioni. A Ivrea aumenta il prezzo del gas della Cooperativa a causa del prezzo altissimo raggiunto dal carbone. Alla stazione di monta della regia Scuola Pratica d’Agricoltura di Caluso è giunto uno splendido stallone Hackney proveniente dall’Inghilterra, da sella e da tiro, adatto alle terre del Canavese. Sarà disponibile fino al 29 giugno. L’onorevole Saudino, intervenendo presso il prefetto di Torino, fornisce garanzie alla continuità del lavoro nelle sartorie per militari a Ivrea e dintorni che impiegano donne senza altrimenti sostentamento, mogli o parenti di soldati al fronte. Le donne dell’Ufficio Notizie dei soldati hanno preparato per i profughi delle terre “redente” e delle zone di prima linea, ospitati in Canavese, 142 metri di stoffa, 12 camicie da uomo, 14 paia di mutande, 36 paia di calze da uomo, 24 paia di calze da donna, 54 paia di calze per bambini, 24 maglie, 17 costumi per ragazzi, 20 metri di flanella, 97 metri di stoffa per vesti, 12 paia di pantaloni da uomo e 12 panciotti. Si comincia a parlare di arti artificiali per la tragedia degli amputati di guerra: il soldato Oreste Zampini di Vercelli, in combattimento aveva perduto entrambe le mani. Accettò di provare la protesi elaborata dal dottor Isnardi e realizzata dal soldato della sanità Carlo Romagni di Vercelli, protesi collegata ai muscoli del braccio che gli consente di afferrare e aprire il tappo di una bottiglia e versarne il contenuto in un bicchiere o di abbottonarsi la giacca.

fd

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...